Navigazione con Chrome: Disconnect Plugin consente di mantenere la riservatezza

Non ci sono Commenti

Chrome Disconnect Plugin

 

Navigazione riservata con Chrome

Sono tempi in cui si avverte pressante l’esigenza da parte degli utilizzatori della rete di ricorrere alla navigazione anonima. Chrome, il noto browser di casa Google, offre questa possibilità tramite l’installazione del plugin Disconnect, vediamo come.

Una volta scaricato dallo store ed installato, Disconnect si presenta tramite una semplice icona cliccabile in alto a destra sulla barra delle estensioni.

Disconnect Plugin 01

 

All’interno della barra di ricerca sarà possibile digitare i termini che desideriamo rintracciare, proprio come un normale browser, scegliendo contemporaneamente con quale motore effettuare le ricerche, selezionandolo tramite l’icona corrispondente.

Disconnect Plugin 02

 

Essendo Disconnect settato inizialmente per gli USA, dovremo solamente avere l’accortezza, tramite il menu a tendina in alto a destra, di selezionare il Paese Italia.

A questo punto avremo la classica rappresentazione del listato organico derivante dai risultati delle ricerche, esattamente come in Google, ma in modalità anonima.

In altri termini, Disconnect impedisce di rintracciare e monitorare le nostre ricerche, senza registrare gli indirizzi IP, o qualsiasi altra informazione personale, compreso i propri dati anagrafici.

La maggior parte dei motori di ricerca, infatti, salva le query di ricerca e le collega al nostro vero nome, all’indirizzo e-mail, o a quello IP. Spesso queste informazioni vengono mantenute per mesi, a volte anni. Inoltre, quando si clicca su un collegamento tra i risultati di ricerca, il sito riceve di solito i termini di ricerca utilizzati, che possono poi essere salvati da quel sito. Infine, l’ISP può essere in grado di accedere alle query di ricerca e collegarle agli account da cui provengono. Disconnect impedisce tutto ciò.

La maggior parte dei risultati saranno identici alle ricerche eseguite senza Disconnect, anche se alcuni risultati saranno parzialmente diversi. Ad esempio, se si effettuano ricerche geolocalizzate, quali un ristorante locale oppure un negozio, il motore di ricerca non riconoscerà la posizione, in questo modo non sarà in grado di indirizzare geograficamente i risultati. Alcuni link sponsorizzati (del tipo AdWords, Pay Per Click) potrebbero anche essere diversi, in quanto il motore di ricerca non sarà in grado di indirizzarli in base al comportamento di navigazione passato o altre informazioni precedentemente rilevate.

Da segnalare che molti dei browser più diffusi oggi hanno la “modalità privacy”. Mentre ciascuno ha delle opzioni leggermente diverse, tutti, però, fanno essenzialmente la stessa cosa: cancellare automaticamente la navigazione e la ricerca della storia dal browser quando si chiude il browser. Tuttavia, a differenza di Disconnect, non fanno nulla per evitare che le query di ricerca possano essere collegate ai profili personali.

 

Navigazione con Chrome: Disconnect Plugin consente di mantenere la riservatezza ultima modifica: da Michele Marchi

Due parole su di me:

Sono un Consulente Web Marketing, aiuto le aziende a migliorare il posizionamento strategico del loro brand sul canale online

Richiedi un Preventivo

Offro servizi SEO professionali, Realizzazione di Siti Web, Soluzioni ECommerce, ed altre funzionalità che possono aiutare la tua attività ad acquisire maggiore visibilità

Altri articoli dal blog